Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Gio, 20/07/2017 - 16:31
sei qui: Home > Ultim'ora > Incolpevoli. Politici mai responsabili di niente

Ultim'ora Basilicata

Incolpevoli. Politici mai responsabili
di niente

Da sabato in edicola il numero 9 di Basilicata24 Il giornale d'inchiesta

di Redazione Basilicata24

Incolpevoli. Politici mai responsabili <br>di niente

In questo numero, un'esclusiva inchiesta sulle carriere dei politici lucani. Chi sono, quali e quante poltrone hanno occupato negli ultimi 30 anni, e perché se la cavano sempre.

All'interno. I misteri dell'Anas in Basilicata. La vergogna di Piazza Ipocrisia a Potenza. E ancora: L'intervista ad un raccomandato. La prostituzione in Basilicata.

Uno stralcio dell'inchiesta sui politici.

"Se ci fermiamo un attimo sulle brevi biografie appena illustrate, scopriamo l’acqua calda. E cioè che questi dirigenti negli ultimi 20 anni almeno, sono stati prima amici di cordata, sedendo tra gli stessi banchi della maggioranza o dell’opposizione. Poi sono stati avversari di partito, ricoprendo comunque ruoli di potere e di responsabilità. Sono stati amici nelle giunte comunali o provinciali o regionali e poi avversari nelle stesse giunte. Ex democristiani in maggioranza ed ex comunisti all’opposizione che nel tempo si sono ritrovati a gestire insieme le stesse partite di potere. Ex democristiani che passati a Forza Italia si sono ritrovati dall’altra parte del piatto, dopo che per anni hanno ciucciato dalla stessa mammella.

Facendo ancora attenzione nella lettura delle biografie, scopriamo un altro secchio di acqua calda. Chi prima è consigliere, poi è presidente di qualcosa. Per alcuni anni fa l’assessore e poi fa il parlamentare e poi torna a fare l’assessore o il consigliere o il presidente dell’ente pinco pallo. Ma sempre loro sono. Basta leggere la loro storia politica. Con una disinvoltura disarmante, alcuni dei nostri insostituibili dirigenti, sono passati dalla destra alla sinistra e viceversa, mantenendo comunque una poltrona. Magari una poltrona più comoda o più scomoda, di legno piuttosto che di velluto, ma sempre poltrona è. Hanno gestito assunzioni, concorsi, promozioni, carriere. Hanno alimentato enti inutili. Hanno condiviso progetti destinati a non dare risultati. Ma sono al loro posto."

Errata corrige: a pagina 4 è stata erroneamente posta la foto di Roberto Falotico accanto alla scheda biografica di Vincenzo Folino. Chiediamo scusa ai lettori.

Sab, 22/10/2011 - 19:01
Stampa