Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Ven, 23/06/2017 - 22:01
sei qui: Home > Salute > Medicina > Il Sud brilla per malasanità

Medicina Basilicata

Il Sud brilla per malasanità

In Basilicata sono tre i casi verificatisi negli ultimi due anni. Due i decessi

di Redazione Basilicata24

Il Sud brilla per malasanità

In Italia, la Commissione che si occupa degli errori commessi nelle strutture sanitarie, ogni due giorni è alle prese con un nuovo caso di malasanità. Maglia nera al Sud che brilla per errori, disservizi e altre inefficienze


Nel nostro Paese, in media, ogni settimana si contano 4 casi di presunta malasanità che finiscono sotto la lente d'ingrandimento della Commissione errori. In pratica uno ogni due giorni. Tanti. E non sono tutti i casi, ma solo quelli di cui si occupa la Commissione parlamentare. In poco meno di due anni, dal primo ufficio di presidenza di fine aprile 2009 al 7 aprile 2011, sono 409 i casi all'esame. Episodi di presunta malasanità, che in 276 casi hanno fatto registrare la morte del paziente, o per errore diretto del personale medico e sanitario, o per disservizi e carenze strutturali. Ben 276 vittime di cui 126 - praticamente il 45% - concentrate in due sole regioni: Calabria (70) e Sicilia (56). È quanto emerge dall'analisi dei casi di malasanità all'esame della Commissione parlamentare d'inchiesta sugli errori in campo sanitario e i disavanzi sanitari regionali. Episodi che dopo un esposto, una segnalazione, o magari un articolo di giornale, arrivano sul tavolo del presidente della Commissione, Leoluca Orlando. Analizzando la tabella si nota come su 409 casi all'esame della Commissione, ben 89 si sono verificati in Calabria, 81 in Sicilia, 37 nel Lazio, 29 in Puglia, 26 in Campania e Lombardia, 23 in Toscana ed Emilia Romagna, 20 in Liguria, 17 in Veneto, 9 in Piemonte, 7 in Valle D'Aosta, 5 in Abruzzo, 4 in Umbria, 3 in Basilicata e Friuli Venezia Giulia, 2 in Sardegna, Marche e Molise, 1 in Trentino Alto Adige. Anche per quanto riguarda i decessi, a finire sul podio più alto di questa triste classifica è la Calabria.


I decessi per malasanità. Tra gli episodi all'esame della Commissione errori , i morti legati a presunti casi di malasanità - che sono tali finchè la magistratura non accerta le eventuali responsabilità - in terra calabrese sono stati 70. Tanti i decessi anche in Sicilia: 56. Seguono Lazio (24 morti), Campania (20), Puglia (19), Emilia Romagna (15), Liguria (14), Toscana (12), Lombardia (10), Veneto (9), Valle D'Aosta (7), Abruzzo (5), Piemonte (4), Umbria (3), Sardegna, Friuli Venezia Giulia e Basilicata (2), Molise e Trentino Alto Adige (1). Scorrendo le tabelle della Commissione, su un totale di 409 casi di presunta malasanità, 282 riguardano sospetti errori da parte dei medici e del personale sanitario. Errori che potrebbero aver causato 185 decessi. Anche qui, sezionando il dato su base territoriale, si evidenziano le situazioni più critiche in Calabria e Sicilia. Nelle strutture sanitarie calabresi si contano 75 presunti errori all'esame della Commissione, in Sicilia se ne registrano invece 51. Il terzo posto del podio, anche in questo caso spetta al Lazio con 21 casi di presunti errori. I casi di malasanità non sempre però hanno a che fare con l'errore diretto del camice bianco. Spesso sono figli di disservizi, carenze, strutture inadeguate. Su 127 totali registrati in tutto il Paese - che potrebbero aver portato alla morte di 91 pazienti - 30 riguardano gli ospedali siciliani, 16 le strutture del Lazio, 14 quelle della Calabria, 12 della Puglia. Al Nord va decisamente meglio. 127 i casi di presunta malasanità legata a inefficenze di vario tipo.

Mer, 28/09/2011 - 18:45
Stampa