Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Ven, 23/06/2017 - 08:22
sei qui: Home > L'opinione > Interventi e commenti > "La speranza è l'ultima a morire"

Interventi e commenti Basilicata

"La speranza è l'ultima a morire"

don Marcello Cozzi interviene su Toghe lucane

di Redazione Basilicata24

"La speranza è l'ultima a morire"

"La speranza è l’ultima a morire.

C’è tanta gente in Basilicata che sta seguendo con attenzione e apprensione questa nuova fase di Toghe lucane; uomini e donne che non hanno mai pensato che il primo atto di Toghe lucane potesse finire sotto il pesante macigno tombale di un’archiviazione. Uomini e donne che credono fermamente alla giustizia, che si rendono conto, certo, dei suoi tempi a volte biblici e delle sue modalità spesso incomprensibili, ma che nonostante tutto hanno sempre sperato e continuano a sperare che prima o poi in Basilicata ci si libererà di quell’enorme grumo di potere che ha privato questa terra di libertà e di dignità. Senza dover necessariamente rincorrere le streghe, ma con pazienza e con fiducia negli uomini e nelle donne che rappresentano la giustizia.

Per tanti uomini e tante donne in Basilicata la speranza è davvero l’ultima a morire.

Anche quando si assiste al solito balletto di chi, indagato, denuncia colui e coloro che lo indagano: ma in un Paese nel quale ci sono Personaggi che anziché difendersi nei processi si difendono dai processi, Politici regionali che si rifiutano di rispondere ai magistrati, in un Paese così non ci si meraviglia più di niente, neanche del fatto che un Alto rappresentante della giustizia non ci dia, tutto sommato, una bella testimonianza di come si risponde alla giustizia quando essa ti chiede conto.

Noi siamo dalla parte di chi vuole approfondire, di chi pone domande e aspetta risposte, di chi vuole capire se davvero in Basilicata negli ultimi anni si è mosso e si è radicato un potente grumo di poteri; noi siamo dalla parte della Procura di Catanzaro (e questa volta nessuno ci può additare come i fans di De Magistris) e dalla parte della Squadra Mobile di Potenza e della sua dirigente Barbara Strappato.

Noi continuiamo a sperare, anzi siamo certi, che finalmente si arriverà alla verità e alle verità, anche se sappiamo che come al solito è già pronta la macchina potente che deve sbaragliare le carte".

don Marcello Cozzi

coordinatore in Basilicata di "Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie"

Gio, 03/11/2011 - 21:36
Stampa