Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Mer, 26/07/2017 - 18:10
sei qui: Home > L'opinione > Interventi e commenti > L'amore non ha lividi, Adoc e Uil discutono di violenza sulle donne

Interventi e commenti Basilicata

violenza di genere

L'amore non ha lividi, Adoc e Uil discutono di violenza sulle donne

Tappa lucana del progetto nazionale finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

di Redazione Basilicata24

L'amore non ha lividi, Adoc e Uil discutono di violenza sulle donne

L'importanza delle attività di prevenzione, informazione, sensibilizzazione e assistenza alle donne vittime di violenza. Temi al centro del convegno “L'Amore non ha lividi”, tappa lucana del progetto nazionale finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, promosso dal Centro d'ascolto della Uil Basilicata e dall'Adoc Basilicata nella Sala del Consiglio Regionale a Potenza. “La violenza di genere – ha dichiarato nel suo saluto il presidente Adoc Basilicata, Nino d'Andrea – è costantemente sotto i riflettori della cronaca italiana e locale, dovuta all'aumento dei casi e all'interesse di studiosi e media, ma poco si fa per intervenire concretamente con assistenza e percorsi di avviamento professionale sul territorio. L'impegno Adoc – ha aggiunto - è di costruire una rete territoriale in grado di rispondere alle esigenze di chi si trova a convivere nella paura quotidiana e magari ha paura a far emerge le problematiche connesse”. Diversi gli interventi al tavolo dei relatori, incentrati sulla tutela dei diritti delle donne vittime di stalking e mobbing con riferimento a quanto previsto dal codice penale all'art. 612 bis, inoltre sulla costruzione di percorsi alternativi per donne con figli a carico e in difficoltà economica: la psicologa, Vania Labriola, ed il legale del Centro Antiviolenza Adoc – Uil, Avvocato Matteo Restaino, la responsabile Pari Opportunità della Uil, Anna Carritiello, e la referente del centro antiviolenza Obiettivo il Sorriso Onlus, Maria Filomena Desina.

Canio D'Andrea, presidente Adoc

Ven, 14/07/2017 - 10:58
Stampa