Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Mer, 26/07/2017 - 18:10
sei qui: Home > L'opinione > Interventi e commenti > Assunzione di un dirigente all'Arpab, si attivi prima la procedura di mobilità

Interventi e commenti Basilicata

'concorsi'

Assunzione di un dirigente all'Arpab, si attivi prima la procedura di mobilità

La Uil Fpl chiede intervento della Regione

di Redazione Basilicata24

Assunzione di un dirigente all'Arpab, si attivi prima la procedura di mobilità

Con Delibera del 09 maggio 2017 apprendiamo con stupore che la Direzione Strategica dell’ARPAB ha deliberato l'assunzione di un dirigente professionale, con l’aggravante di aver scritto nel deliberato di aver informato le organizzazioni sindacali. Si precisa a tal proposito che l’articolo 30 del decreto legislativo N°165 2001 stabilisce che le amministrazioni prima di procedere all’espletamento di procedure concorsuali, al fine di ricoprire posti vacanti in organico, devono attivare la procedura prevista di mobilità, provvedendo all’immissione in ruolo di dipendenti provenienti da altre amministrazioni, in via prioritaria di quelli in posizione di comando. Il Direttore dell’Arpab deve averlo dimenticato come pure ha dimenticato di avere personale distaccato presso atri Enti. Le ultime delibere adottate dall’ente sono in palese violazione della norma sopra richiamata. Infatti, le procedure di mobilità vanno sempre attivata anche in caso di scorrimento di graduatorie. Anche in questo caso il Direttore dell’Arpab deve averlo trascurato. Non solo, ha dimenticato anche che queste assunzioni non le aveva previste nel piano triennale del fabbisogno del personale. Come pure ha dimenticato di effettuare la prevista informativa sindacale ma questa forse non è una dimenticanza visto che a cinque mesi dall’inizio dell’anno non ha ancora chiuso la contrattazione dei fondi con le rappresentanze sindacali dell’ente. Tra tante dimenticanze e volute mancanze è difficile rintracciare atti coerenti,sperando che la regione non dimentichi di intervenire, facendo ritirare tali delibere.

Giampaolo Mecca e Giuseppe Verrastro, segreteria regionale Uil Fpl

Mer, 17/05/2017 - 16:30
Stampa