Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Sab, 30/08/2014 - 18:25
sei qui: Home > Cronaca > I papocchi dell'Ateneo lucano

Cronaca Basilicata

Inchieste

I papocchi dell'Ateneo lucano

Concorsi a rischio imbrogli. Succede a Potenza

di Redazione Basilicata24

Lorenzo Bochicchio, Unibas Lorenzo Bochicchio, Unibas

Sono in corso di svolgimento quattro concorsi all'Ateneo potentino.  Si tratta di un concorso a un posto per la cat.D e di tre concorsi ciascuno per un posto della cat. EP area amministrativi. Qualcosa però non quadra.


I protagonisti. C'è un presidente della commissione di concorso della cat. D, salernitano, attualmente direttore generale all'Università del Sannio e si chiama Gaetano Telesio.  E' noto alle cronache di Benevento per avere assunto due vincitrici di concorso che poi si è scoperto avevano copiato lo stesso compito, ma la commissione non se ne era accorta, così come non se ne era accorto il direttore Telesio che le aveva assunte. Della vicenda che ha scandalizzato il Sannio si parla in questa pagina web dell'Associazione Altra Benevento.


"I giudici amministrativi il 4 giugno 2012 hanno accolto il ricorso di una concorrente, Pierangela Mottola, annullando le nomine come vincitrici del concorso di Maria Grazia De Girolamo e Monica Facchiano che hanno copiato il compito scritto da una dispensa del direttore amministrativo dell’università, Gaetano Telesio, lo stesso che poi ha firmato gli atti di nomina delle due vincitrici annullati dal TAR."


"Il Collegio giudicante scrive in sentenza: “in particolare per la De Girolamo, ma anche per la Facchiano, con qualche piccola differenza, si rileva non un elaborato in qualche modo concettualmente similare ai contenuti della dispensa (che potrebbe anche essere ammissibile come frutto di uno studio intenso e mnemonico), ma una copia conforme e testuale, ‘parola per parola, aggettivo per aggettivo, avverbio per avverbio’, ‘utilizzando perfino la stessa identica punteggiatura”.


Il dott. Gaetano Telesio, che aveva iniziato la sua carriera nell'università degli Studi della Basilicata, ora ci è tornato nominato dal direttore generale Bochicchio presidente della commissione del concorso a un posto della categoria D Area Amministrativa.


Ma c’è un altro Direttore generale, che si chiama Angela Maria Lacaita, di origine tarantine, sposata a Salerno e attualmente direttore dell'università di Perugia. In passato è stata funzionaria all'ateneo di Salerno e poi direttore dell'Ateneo lucano. Costei è stata nominata dal direttore generale Bochicchio presidente di due concorsi per la cat. EP area amministrativa. Uno per assegnare un posto per l'ufficio personale, l'altro per assegnare un posto per l'ufficio legale.


E ci sono due candidati al concorso della cat. D che sembrano avere un qualche punto di contatto con i due Direttori presidenti di commissione.


Si chiamano Benedetta Adinolfi e Laura Buonaiuto ed entrambe figurano nell'elenco dei 5  candidati che hanno superato la preselezione al concorso per la categoria D, bandito con provvedimento del Direttore Generale n. 269 del 10/09/2013.


La prima in graduatoria ha lo stesso cognome del marito della dott.ssa Angela Maria Lacaita. E' nata ad Avellino nel 1986, voci non confermate affermano che addirittura sia la figlia della dott.ssa Lacaita, che per una curiosa coincidenza è presidente in 2 degli altri 3 concorsi della cat. EP che si stanno svolgendo contemporaneamente. La Adinolfi, voci di popolo, pare si sia da poco laureata proprio all'università di Perugia dove la dott.ssa Lacaita (sua madre?) fa il Direttore Generale. La seconda, Buonaiuto, è già dipendente a tempo determinato dell'Università del Sannio ed è inquadrata nella cat. C1. Si presume che l'abbia assunta il dott. Telesio e che si conoscano.


L'altro presidente di commissione nominato dall'Ateneo lucano per assegnare un posto della cat. EP si chiama Vitale Cardone. Costui, curiosamente, ha lo stesso nome di quel Vitale Cardone, preside di facoltà di ingegneria a Salerno e presidente della conferenza nazionale dei presidi delle facoltà di ingegneria, che è stato arrestato nel 2009 e che oggi è imputato nell' inchiesta "della Procura della Repubblica di Napoli su collaudi fasulli agli impianti di Cdr, per la produzione di combustibile da rifiuti". Insieme al prof. Cardone, tra gli imputati figura l'attuale presidente della Provincia di Benevento Aniello Cimitile, ex rettore dell' Università del Sannio (presidente allora della commissione di collaudo dell'impianto di Casalduni). Leggi Corriere del Mezzogiorno. Il Sole 24ore e informatoresannita.it


Uno dei membri della commissione del concorso della cat. D è una certa Monica Facchiano, pensate, proprio quella che secondo gli articoli ha vinto il concorso all'università del Sannio copiando le dispense del direttore generale, Telesio.  Ed ora è in commissione con lui a Potenza


Quelli che rischiano la presa per i fondelli. E infine ci sono tanti candidati esclusi al concorso della cat. D. Fra  di loro alcuni dipendenti dell'Ateneo lucano che hanno appreso con delusione e sorpresa l'esito della preselezione, a cui hanno partecipato in 180 e che ha fatto passare solo 5 candidati, con le particolarità che si è detto.


Ora si dovranno fare le prove di concorso vere e proprio e tra i fortunati che sono riusciti a passare la selezione della commissione presieduta dal dott. Telesio non figura nemmeno un potentino. Due soli i lucani passati alla preselezione, uno è Domenico Linsalata, precario di lungo corso nell'Ateneo potentino, di origine di Grassano, l'altra è Giordano Angela, di Policoro.


Nell'Università, come è comprensibile, sono esplose le polemiche e rischiano di diffondersi come benzina sul fuoco in un clima che già era surriscaldato dalla vicenda delle presunte irregolarità al concorso regionale per 50 incarichi di assistenza tecnica specialistica per l’attuazione del Po Fesr Basilicata 2007–2013.


Riepilogo. Il giovane d.g. dell'Ateneo potentino si sta cimentando in questi concorsi pubblici. Forse sono i primi concorsi della sua rapida carriera che lo ha portato alla nomina di d.g. prima di compiere i 40 anni di età. Per il concorso della cat. D ha nominato  presidente di commissione il dott. Telesio, d.g. nell'ateneo di Benevento, uno che non si è nemmeno accorto di avere assunto all'università del Sannio due dipendenti che avevano copiato (entrambi) le sue stesse dispense. Concorso annullato dal TAR, mentre si attendono eventuali esiti delle indagini della magistratura ordinaria.


Per il concorso cat. EP della "qualità" è stato nominato presidente di commissione un professore universitario, preside di facoltà e presidente della conferenza dei presidi, che è stato rinviato a giudizio per falso ideologico.


Per i due concorsi cat. EP dell'ufficio personale e per l'ufficio legale è stata nominata presidente il d.g. dell'Ateneo di Perugia la cui figlia (come sembra) si è piazzata al primo posto delle preselezioni al concorso della cat. D, dove è presidente il d.g. Telesio.


Come andrà a finire? Di certo, queste notizie non aiutano i candidati ad affrontare con serenità e fiducia le prossime prove concorsuali ed è facile prevedere sviluppi di natura giudiziaria anche in questa vicenda.


 

Dom, 10/11/2013 - 17:13
Stampa