Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Gio, 23/02/2017 - 21:25
sei qui: Home > Editoriale > Qualcuno si fuma il petrolio?

Editoriale Basilicata

Qualcuno si fuma il petrolio?

di Giusi Cavallo

Qualcuno si fuma il petrolio?

Confuse dichiarazioni della Regione Basilicata sull'ultimo preoccupante episodio al Cova di Viggiano

"La Regione metterà in campo ogni utile azione affinché a Viggiano possano essere subito impiegate nuove tecnologie in grado di evitare il ripetersi di simili fenomeni". La dichiarazione è dell'assessore all'Ambiente della Regione Basilicata, Francesco Pietrantuono. Il riferimento è alla fuoriuscita di una densa colonna di fumo nero da uno dei camini del Centro Oli di Viggiano verificatasi nel pomeriggio di oggi. Le immagini di quanto accaduto hanno fatto il giro della rete. Le persone presenti in zona hanno riferito di aver sentito anche una forte puzza di bruciato. Il sonetto recitato dall'assessore lo abbiamo già ascoltato decine di volte in questi anni, sia dai suoi predecessori sia dall'Arpab. E non ci siamo neanche risparmiati le filastrocche di De Filippo, Pittella e compagni che con il Cane a sei zampe hanno sempre flirtato. Eni dal canto suo non si è fatta attendere con la solita litania del "tutto a posto". E sul suo sito web ha così commentato: "L'evento le cui cause sono in fase di verifica, è comunque riconducibile a una non ottimale combustione all'interno di un termodistruttore". Aggiungendo: "Al momento non si riscontrano scostamenti nei parametri registrati dalle centraline di monitoraggio della qualità dell'aria e le attività sul termodistruttore sono completamente sotto controllo". Tra l'altro la dichiarazione dell'assessore non fa capire che cosa la Regione effettivamente vorrebbe fare, subito, per evitare il ripetersi di simili fenomeni. Ci pare di capire che la Regione voglia sostituirsi all'Eni e che l'assessore sia confuso. E come se ciò non bastasse, poiché questi fenomeni si sono ripetuti nel tempo, l'assessore sembra ammettere che fino ad oggi non sia stato fatto nulla per tutelare la salute dei cittadini della Val d'Agri. Come al solito siamo ad un punto morto a spese dei vivi.

Mer, 14/12/2016 - 20:19
Stampa