Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Mar, 25/04/2017 - 10:49
sei qui: Home > Cronaca > Avis Basilicata, quello che i dirigenti non dicono

Cronaca Basilicata

sangue amaro

Avis Basilicata, quello che
i dirigenti non dicono

La risposta dell'ex presidente chiamato in causa dal successore De Asmundis

di Redazione Basilicata24

Dirigenti Avis Basilicata durante recente conferenza stampa Dirigenti Avis Basilicata durante recente conferenza stampa

Risponde attraverso il suo legale, l’avv. Massimo Maria Molinari, Genesio De Stefano ex presidente dell’Avis di Basilicata, chiamato in causa nel corso di una recente conferenza stampa che Rocco De Asmundis ha convocato per presentare la nuova App dell’associazione.

In quella sede De Asmundis (per il provvedimento di espulsione da socio deliberato dall’assemblea della sezione comunale di Potenza non è più presidente non avendo titoli, in quanto avverso a questa decisione sia lui che Landro non hanno prodotto ricorso come prevede la legge – n.d.r.), ha lasciato intendere che, se responsabilità ci sono in merito a tutta una serie di irregolarità amministrative oggetto di inchiesta della magistratura, esse vanno addebitate a precedenti gestioni. Durante alcune interviste rilasciate a conclusione della conferenza stampa, è stato fatto esplicitamente riferimento a Genesio De Stefano. “Corre l’obbligo di precisare – scrive l’avv. Molinari – che il signor Genesio De Stefano non è in alcun modo coinvolto perché nel 2013, anno nel quale sarebbero state riscontrate irregolarità gestionali (oltre a quelle relative al bilancio 2014 – n.d.r.) non ricopriva alcuna carica rappresentativa dell’Avis. In quel periodo – precisa ancora l’avv. Molinari – De Asmundis era il tesoriere direttamente responsabile della gestione economica”. Fin qui la nota del legale.

Intanto, noi attendiamo ancora che il segretario dell’Avis regionale di Basilicata, l’avv. Rocco Monetta, ci invii, come promesso in occasione della conferenza stampa, i documenti relativi allo smaltimento delle sacche per piastrine scadute, che De Asmundis ha confermato di essere avvenuto nel rispetto della legge. Se così è, non riusciamo a comprendere perchè finora nulla ci è stato inviato a conferma di quanto dichiarato. Al di là della regolarità nello smaltimento delle sacche, rifiuti speciali, sulla quale ci riserviamo di chiedere chiarimenti ai Nas dei carabinieri, c’è un aspetto di non poco conto: aver acquistato sacche che non potevano essere utilizzate, come avrebbero dovuto sapere i dirigenti dell’Avis, e averle fatte scadere ha comportano un danno economico all’associazione di qualche decina di migliaia di euro. Anche su questo probabilmente un chiarimento è necessario sempre per rispetto prima dei donatori, poi dell’opinione pubblica. Chiarimento che si spera possa giungere dall’interrogazione che il consigliere regionale del Gruppo Misto, Giannino Romaniello, ha presentato sulla vicenda Avis, che “si è ulteriormente aggravata, tanto che – scrive l’interrogante – il vistoso calo donazionale mette seriamente in difficoltà le strutture sanitarie deputate alla tutela della salute pubblica”. Nel fare riferimento alla decisione dell’assemblea dell’Avis Comunale di Potenza di esplellere da soci  De Asmundis e Landro, rispetivamente presidente e tesoriere regionali,  “a causa della gestione poco trasparente del bilancio dell’Avis regionale 2013, decisione comunicata alla Regione”, Romaniello interroga l’assessore alla Salute Sicurezza e Solidarietà per sapere se “nonostante la gravità della situazione segnalata dalla stampa, la Regione Basilicata ha erogato un contributo straordinario all’Avis di Basilicata pari a euro 420.ooo, per la ristrutturazione dei punti di raccolta sangue da accreditare, come dichiarato con una nota ufficiale della stessa Avis. Nino Cutro, giornalista

Mer, 16/03/2016 - 10:40
Stampa